LE CASE DELLA SPERANZA

Child-Help sta costruendo Case della Speranza vicino ad alcuni ospedali di riferimento dove i nostri bambini possano ricevere neurochirurgia salvavita. Le Case della Speranza si prendono cura dei genitori e dei bambini con spina bifida e idrocefalo prima e dopo l'intervento chirurgico.

Informano, supportano e rafforzano i genitori e facilitano il contatto con gli operatori sanitari in ospedale.

Queste case vogliono essere una vera e propria "casa" per questi genitori che stanno attraversando un periodo difficile con il loro bambino. Aiutarli spesso crea una relazione duratura che è importante per genitori e figli. Il contatto con altri malati è di per sé utile e non si sentono più soli.

Dopo la dimissione dall'ospedale, i primi giorni sono cruciali per il processo di guarigione.

I genitori a volte viaggiano con i loro figli per giorni per raggiungere questi ospedali e, grazie alla loro permanenza presso la Casa della Speranza, non devono viaggiare avanti e indietro per il primo controllo medico. I genitori possono trovare aiuto e riparo qui per iniziare la vita insieme al proprio bambino con disabilità e per essere in grado di affrontarla al meglio. 

Il loro soggiorno è utile per fornire a questi giovani genitori informazioni sulle disabilità dei loro figli, sui loro diritti e per informarli su dove trovare assistenza. Ricevono anche informazioni sull'acido folico in modo da ridurre le probabilità di avere un altro bambino con spina bifida in una gravidanza successiva. I genitori di bambini con spina bifida ricevono inoltre una formazione sulle tecniche di gestione della continenza e imparano a gestire l'assistenza e il follow-up del proprio figlio a casa. Perché a casa spesso non ci sono dottori che possano aiutarli.

Fondamentale per le Case della Speranza è che costruiscano un buon rapporto con l'ospedale, i medici curanti e altri operatori sanitari. Sono incondizionatamente dalla parte dei genitori e supportano i professionisti nel loro lavoro. Hanno una funzione di mediatori tra le famiglie e gli assistenti sociali. Per questo è importante che la direzione dell'ospedale sia consapevole di questa collaborazione e ne veda anche i benefici (come per esempio ricoveri ospedalieri più brevi, assistenza post-terapia migliore, shunt,...).

In questo senso, Child-Help vede le Case della Speranza come supporto per l'assistenza esistente e complementare all'assistenza sanitaria di un Paese. Le Case della Speranza non assumono la cura di altri fornitori di cure, ma aiutano a rendere più accessibili le cure per il nostro gruppo target negli ospedali governativi e a migliorarle.

HoH 2  HoH 3  HoH 4

HoH 1