La vita con spina bifida in Kenya | Child-Help

Nata con spina bifida in Kenya. Leggi la testimonianza di Francesca che ha superato gli ostacoli dell’infanzia e ha trovato un lavoro e l’amore.

La vita con spina bifida in Kenya

Francesca Naijaipu è nata con la spina bifida in un piccolo villaggio nel nord del Kenya dove c’era poca comprensione della condizione. Quanto segue spiega come ha superato i problemi che ha incontrato durante la sua infanzia e come in seguito ha trovato un lavoro e l’amore.

“Da bambina non mi sentivo amata da nessuno”, ci racconta Francesca. È stata respinta dal padre e dalla comunità locale che la credeva una sciagura e spesso veniva lasciata a se stessa quando la sua famiglia usciva. Ci volevano due ore di cammino per arrivare a scuola e la spina bifida lo rendeva un compito laborioso. Ha sviluppato infiammazioni alle gambe che in seguito si sono trasformate in gravi infezioni e talvolta non è stata in grado di frequentare la scuola per mesi. A causa della sua incontinenza gli altri bambini della sua scuola la evitavano e lei non aveva amici, così all'età di 12 anni Francesca decise di trascorrere le giornate sotto un albero vicino a casa sua.

Da una salute migliore...

Fortunatamente, un giorno suo zio l’ha portata al BethanyKids nell’ospedale di Kijabe. Fu qui che ricevette le prime spiegazioni sulla sua disabilità e la connessione con i suoi problemi fisici. Per una ferita al piede che non si rimarginava, l’amputazione sembrava essere la soluzione migliore e le fu dato un arto protesico e un tutore per migliorare la sua deambulazione. Francesca ha padroneggiato i suoi problemi alla vescica dopo aver seguito il nostro programma di gestione della continenza.

“Quando sono diventata pulita e asciutta, mi sono sentita un essere umano degno con un bisogno di vivere: essere accettata per quello che sono, fiduciosa e motivata dalla seconda prospettiva di vita che avevo ottenuto”. Durante questa nuova fase della sua vita Francesca ha avuto un’altra opportunità quando l’ospedale le ha offerto un posto come assistente all’infanzia.

...ad una vita appagante

Oggi Francesca lavora ancora a Joy Town, una scuola per bambini disabili. Questa particolare scuola ospita più di 80 bambini nati con la stessa disabilità di Francesca. Sostiene i genitori a guidare i loro figli verso una vita significativa, qualcosa che le mancava così tanto nella sua prima infanzia. Fornisce formazione e istruzione sul cateterismo intermittente e sulla cura della pelle e afferma: "Sono molto grata per Child-Help e per le conoscenze e le competenze che ho acquisito attraverso conferenze, seminari e workshop negli ultimi anni".

Francesca aggiunge anche: “Posso camminare, lavorare e guadagnare. Di conseguenza, sono anche riuscita a trovare l'amore. La prima volta che qualcuno mi ha detto: "Ti amo", mi sono rifiutata di crederci. Amarmi? Con la mia disabilità? Ma è possibile, ne sono la prova vivente: sono felicemente sposata e insieme abbiamo un figlio adorabile!”

Guarda la testimonianza di Francesca qui

https://www.youtube.com/watch?v=8pKrOYXJ1KY

Con l’aiuto e l’assistenza di Child-Help, Francesca Naijipu è riuscita a muovere i primi passi verso una vita normale.

Desideri supportarci?

Fai una donazione qui